Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

INTERVENTO DELL'AMB. CONTICELLI ALLA CONFERENZA SULLA RICOSTRUZIONE DI BEIRA

Data:

10/06/2019


INTERVENTO DELL'AMB. CONTICELLI ALLA CONFERENZA SULLA RICOSTRUZIONE DI BEIRA

CONFERENZA SULLA RICOSTRUZIONE

(Beira, 31 maggio-1 giugno 2018).

Intervento di S.E. l’Ambasciatore d’Italia, Marco Conticelli

L’Italia conferma il proprio sostegno al processo di ricostruzione a seguito delle calamità naturali che hanno colpito le Provincie centrali e settentrionali del Paese.

L’Italia, come sapete, è stata in prima fila già nel quadro dell’emergenza.

· Abbiamo organizzato subito, d’intesa con l’OIM, un volo umanitario dalla Base di Pronto Intervento Umanitario delle Nazioni Unite di Brindisi, in Italia, con beni di primo soccorso e un campo per l’accoglienza dei profughi a Beira. Nel campo sono tuttora ospitate ancora circa 150 famiglie.

· Con l’Aeronautica Militare e la Protezione civile italiane, e grazie al sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, abbiamo inviato e messo in funzione un Ospedale chirurgico da campo presso l’Ospedale Centrale di Beira, tuttora funzionante grazie a personale medico italiano. L’Ospedale nel solo primo mese di funzionamento ha assistito, curato, operato più di 1000 pazienti, affiancando l’azione dell’ospedale centrale di Beira. L’ospedale è tuttora attivo con la presenza di personale sanitario della Croce Rossa Italiana.

· Abbiamo dato infine contributi finanziari all’OIM (300.000 Euro) e alla FICROSS (100.000 Euro).

Ora, alla luce delle esigenze della ricostruzione, abbiamo previsto due ulteriori interventi.

In primo luogo un contributo di 3,4 Milioni di dollari per attività di ripristino dei servizi e del tessuto economico-sociale del Parco delle Quirimbas (con una particolare attenzione all’Isola di Ibo e zone limitrofe).

Inoltre la donazione al Ministero della Sanita’ del nostro ospedale da campo di Beira, che ha un valore di circa 2,2 Milioni di dollari. Tale equipaggiamento consentirà di rimpiazzare in parte le attrezzature sanitarie perdute a causa del disastro.

Fin qui le azioni immediate. Ma stiamo anche verificando con tutte le Amministrazioni interessate in Italia la possibilità di concedere crediti di aiuto agevolati per la ricostruzione, secondo le linee già in esame con il ministero delle finanze mozambicano e tenendo conto delle valutazioni del FMI. Ci riserviamo pertanto di comunicare l’esito di tale verifica non appena possibile.

Manifestiamo infine la nostra disponibilità a lavorare in stretto coordinamento con il Governo per valutare la possibilità di riorientare alcune delle nostre attività in corso nelle aree colpite dai cicloni in particolare nei settori agricoltura e sviluppo rurale, sanita’, educazione.

 


300